Skip to content

La Santa Sede per i 60 anni della Dichiarazione dei diritti dell’uomo

9 dicembre 2008

In occasione del sessantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, stilata dalle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948 all’indomani della fine del secondo conflitto mondiale, la Santa Sede promuove nel pomeriggio di mercoledì una solenne celebrazione con la partecipazione di Benedetto XVI, con l’intento di riaffermare principi e valori dello storico documento.
Nell’Aula Paolo VI, l’iniziativa a cura del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace si articolerà in un atto commemorativo di riflessione e di studio, con discorsi del segretario di Stato, cardinale Tarcisio Bertone, del presidente di Iustitia et Pax cardinale Renato Raffaele Martino, e del direttore generale dell’Organizzazione mondiale del lavoro, Juan Somavia.
Seguirà, presente il Papa, un concerto di musiche classiche eseguite dalla Brandenburghisches Staatsorchester di Francoforte, diretta dal Maestro Inma Shara, spagnola, prima donna a dirigere un complesso sinfonico in Vaticano.
Poco prima del concerto avrà luogo l’assegnazione dei Premi attribuiti per il 2008 dalla Fondazione San Matteo in memoria del cardinale François Xavier Nguyên Van Thuân, presieduta dallo stesso cardinale Martino, a cinque personalità e istituzioni distintesi nel campo dell’impegno sociale e per la pace. Il concerto è infatti promosso dalla Fondazione San Matteo.
Presentando l’avvenimento nella Sala Stampa della Santa Sede il 13 novembre scorso, il presidente del dicastero organizzatore aveva spiegato come i diritti dell’uomo siano espressione dell’eminente e inviolabile dignità di ogni persona umana, manifestando la sua vocazione unica e irripetibile, al di là di qualsiasi differenza e ogni possibile discriminazione. La Dichiarazione universale del 1948, che ha sancito ed elencato tali diritti, costituisce una pietra miliare della civiltà umana, ribadendo che il progresso dell’umanità non si misura solo con l’avanzamento della scienza, della tecnica e dell’economia, ma anche e soprattutto con il primato dei valori spirituali e con il progresso della vita morale.

(©L’Osservatore Romano – 9-10 dicembre 2008)

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: